Cronache NBFI 2019 – Resoconto del Trofeo Fisica-Mente Natural

Cronache NBFI 2019 – Resoconto del Trofeo Fisica-Mente Natural

Un successo inaspettatamente annunciato

Di Riccardo Grandi – foto di Davide Giannico e NBFI

21 settembre 2019, Verolanuova (Brescia).

A inizio anno 2019, la NBFI incarica la palestra FisicaMente di organizzare la selezione nord Italia il 21 settembre 2019, la prima volta in provincia di Brescia, e la location dell’Auditorim Mazzolari di Verolanuova si rivela perfetta per accogliere atleti, coach e pubblico.

Ma perché usare la definizione “inaspettatamente annunciato”?

Perché la NBFI si è sempre impegnata tantissimo sotto forma di divulgazione e di qualità del servizio agli atleti, ma da quest’anno ha inserito una marcia in più fornendo spettacoli, location e giudizi all’altezza di situazioni di livello ancora più alto, quindi anche se il successo era annunciato, in realtà il risultato è stato molto più grande di quello che ci si aspettava.

Dopo il cambio del consiglio direttivo ed il passaggio alla federazione internazionale INBA GLOBAL il vento di rinnovo si fa sentire sotto ogni punto di vista, anche nella formula delle gare.

In realtà questo grand prix risulta essere la “prima volta” di un po’ di cose:

• La prima volta che viene effettuato il Nord Italia a settembre (prima era sempre a giugno).
• La prima volta che viene eseguito senza il pre gara.
• La prima volta che viene riservato uno spazio preferenziale per i coach.
• La prima volta che parte dell’incasso del pubblico (2 euro a biglietto venduto) viene devoluto in beneficenza.

Ma passiamo ai numeri di questa bellissima gara:

• 97 atleti
• 115 presenze in categoria
• 6 classificazioni di gara (body building, Classic physique, Men’s physique, Bikini, Figure, Women’s physique)
• 21 categorie
• 520 persone di pubblico presente
• 16 addetti dello staff
• 2 direttori del parterre

La NBFI crede molto in questa gara per decollare e gli atleti con il relativo pubblico non tardano a rispondere positivamente.

Un’altra cosa da segnalare è sicuramente il livello elevatissimo degli atleti in gara, in ogni categoria si è vista una sorta di “anticipo” del campionato italiano con un conseguente spettacolo che più che “gara di passaggio” lasciava trasparire una “gara di prestigio”.

Ma gara di alto livello non significa gara “inquinata” dal doping in quanto da quest’anno la NBFI si è impegnata ancora di più con controlli ufficiali WADA – effettuati dalla società GQS, un organismo indipendente che collabora direttamente con laboratori accreditati WADA e ha sede a Stoccarda e Berlino, tramite i suoi operatori Michael Jablonski e Kirsten Reith.

Oltre a ispezionare visivamente il corpo dell’atleta alla ricerca di eventuali manipolazioni e punti di iniezione o infusione, hanno effettuato il prelievo delle urine secondo le procedure WADA (doppio campione).

Successivamente i campioni vengono inviati al laboratorio che provvederà ad analizzare ben 265 (!) sostanze e comunicherà i risultati entro 3-4 settimane.

Controlli, come dicevamo, dettagliatissimi e approfonditi, cominciati già dal giorno prima con ispezioni di “body scan” alla ricerca di segni sospetti sulla pelle dei concorrenti conclusi con il controllo delle urine il giorno successivo.

IL GIORNO PRIMA

Le iscrizioni e le rilevazioni di altezza e documenti vengono effettuate a partire dalle 10,00 del giorno di venerdì 20 settembre presso la Palestra FisicaMente di Pontevico (BS) e si concludono in tarda serata.

Tutti gli atleti si sono presentati ordinatamente e questo ha permesso di creare le categorie che, ricordiamo, per la prima volta sono state suddivise tutte in ordine di altezza, e non di peso, e questo ha permesso di poter fare le rilevazioni tranquillamente il giorno prima senza margini di errore.

Molti atleti hanno scelto di completare il loro allenamento di rifinitura presso il centro ospitante, e la qualità mostrata ha fatto fin da subito trasparire l’enorme lavoro che sarebbe toccato alla giuria il giorno successivo.

IL GIORNO GARA

L’orario di inizio è alle 10,30 del mattino (nessun atleta è stato obbligato a levatacce per essere sul palco alle 8,30) e la giornata è stata divisa in 2 parti ben precise: la mattina tutte le categorie muscolari ed il pomeriggio/sera tutte le categorie estetiche.

Al mattino hanno sfilato tutte le categorie Men Body building, Woman Figure e Woman Physique e a partire dalle ore 15,00 i Classic Physique, Men Physique e Bikini.

Questo “giochetto” di suddivisione ha permesso di evitare il sovraffollamento del parterre di gara separando in maniera ben distinta l’affluenza degli atleti all’auditorium.

MATTINA, 10 categorie, 48 atleti
          7 categorie di body building (juniores, over 40, over
         50, small, medium, tall, extra tall)
         2 categorie di Figure (master e open)
         1 categoria di Woman physique

POMERIGGIO, 11 categorie, 66 atleti
           2 categorie di Classic physique (small e tall)
           5 categorie di Man’s Physisque (juniores, over 40,
           small, medium, tall)
           4 categorie di bikini (juniores, over 35, small, tall)

Chiusura dei lavori alle ore 20,30 con l’assegnazione dei titoli assoluti di ogni categoria.

In giuria gli oramai storici Sauro Ciccarelli, Sandro Ciccarelli, Andrea Bonciani, Davide Donati e capo giuria Augusto Priami che hanno espresso giudizi sicuri, veloci e giusti, senza obbligare gli atleti ad estenuanti ed inutili confronti di ore.

LO SPETTACOLO NELLO SPETTACOLO

Grande spettacolo è stato il mega pose down in mezzo al pubblico delle categorie più numerose e “calde”, ovvero TUTTE LE CATEGORIE di una classificazione erano sul palco, tutte insieme, per fare il pose down finale che immancabilmente finiva in mezzo al numerosissimo pubblico che faceva il classico TIFO DA STADIO.

Grande accompagnamento dei presentatori d’eccezione Mario Civalleri e Iseppi Chiara (bikini che poi vincerà il campionato nazionale a Figline Valdarno 2 settimane dopo) che con ilarità, entusiasmo e capacità hanno tenuto alta l’energia della gara dal primo all’ultimo minuto.

L’intervento dei PRO PNBA Matteo Mazzotti, Cosimo De Angelis e Noemi Cosentino hanno impreziosito la gara.

Giochi di luce fatti con scanner ed impianto audio iper professionale hanno permesso di generare quelle giuste emozioni nel pubblico e tra gli atleti.

TU CHIAMALE SE VUOI… EMOZIONI

La NBFI oramai da 11 anni si impegna nella divulgazione del vero natural in maniera attiva e propositiva, ma mi sento di dire che, nel bene o nel male, lo ha sempre fatto cercando di portare l’attenzione non a sé stessa ma all’atleta, all’accoglienza dello stesso, alla considerazione, all’ascolto e al fare sentire gli atleti parte viva del progetto di crescita.

In gara si respirava un’aria distesa, mai nervosa, sempre amichevole e sorridente, nessuna pressione ma solo chiarezza e disponibilità di aiuto e problem solving, e se è vero che questa cosa è appannaggio dell’organizzazione, non si può evitare di dire che “da un melo non può nascere una pera”, e di conseguenza si può sostenere con forza che quest’aria di distensione partiva proprio dal nuovo consiglio direttivo della NBFI che ha sempre cercato di creare qualcosa di grande senza alcuna forma di pressione, usando come armi la gentilezza e la comunicazione attiva.

Il nostro non è un addio ma un arrivederci al 2020 con il “FisicaMente Natural weekend” e tante altre novità al servizio di atleti, accompagnatori e pubblico.

 

 

Locandina dell’evento 2019

Cronache NBFI 2019 – Resoconto del Natural Super Heroes

Cronache NBFI 2019 – Resoconto del Natural Super Heroes

Di Francesco Paleari e Annita Lavecchia

Fotografie di Daniele Soldino e NBFI

7 SETTEMBRE 2019, TARANTO.

Finalmente anche la regione Puglia ha potuto ospitare la sua prima selezione di NATURAL BODYBUILDING…e di questo devo ringraziare in PRIMIS la NBFI nelle persone del Presidente Sandro Ciccarelli e del Vice Presidente Sauro Ciccarelli.

Subito dopo è doveroso ringraziare, elencandoli, l’impegno dei nostri 18 partners: OLYMPIANSTORE – EXCELLENT – Studio di Medicina Estetica di PATRIZIO CARDONE – Palestra KIRIOS – AUTOservizi OSCAR – Ordine dei BIOLOGI & NUTRIZIONISTI Italiani (Patrocinio gara) – Ottica CEMAF – Trattoria Friscenne e Mangianne – Ristorante e Braceria LA LOCANDA DEL MACELLAIO – CASSANO – SCITEC NUTRITION & BE BIG – QUALITY SPORT – COFFEE SHOP – Ristorante Pizzeria SUGO E BASILICO – Palestra BLACK STONE di COSEANO – Palestra THE TIGER di LUZZI (Cosenza) – PARRUCCHIERI JOSEPH PELLICORO – INTEGRAZIONE POWERHOUSENUTRITION – ESTETICA LA DOLCE VITA.

Il contributo che avete fornito è stato non solo indispensabile per la buona riuscita della manifestazione ma anche unico nel suo genere in una giusta combinazione di creatività e professionalità.

Da parte nostra un sincero ringraziamento per aver creduto senza riserve nel nostro progetto.

Subito dopo è doveroso ringraziare chi ha ospitato gli atleti per la fase di registrazione gara del venerdi mettendo a disposizione la propria struttura ovvero la palestra KIRIOS nelle persone di MIMMO e DANIELA DE FILIPPIS.

Questa struttura è la nostra fucina dove ci alleniamo durante tutto l’anno per le preparazioni alle varie competizioni. GRAZIE!!!

Questo 1º GRAN PRIX NATURAL SUPER HEROES sarà da apripista per il successivo 2° GRAN PRIX 2020 perché stiamo già preparando, io e la Coach Annita, sotto l’egida della NBFI, qualcosa di bello, qualcosa che vedrà ancora coinvolti in primo piano sempre gli atleti.

Siete voi che fate la gara ed è giusto che veniate tenuti in evidenza.

Così come quest’anno è stato inserito il TICKET GOLD ovvero l’estrazione, da parte dei vincitori di categoria, del biglietto vincente che assicurava l’iscrizione gratuita all’11º Campionato Nazionale NBFI, per il 2º Gran Prix lo ripeteremo in una veste più appetitosa… solo chi ci sarà, e solo chi avrà la fortuna di pescarlo potrà saperlo.

Il nostro 1° Gran Prix è nato nell’Auditorium TARENTUM grazie alla completa disponibilità e professionalità del direttore Ciro LUPO, raggiungendo come primo evento il numero di 63 iscritti.

La struttura mi ha permesso di realizzare qualcosa che in nessuna gara era stata mai fatta.

Ho realizzato unitamente a mia moglie Annita quello che in 10 anni di gare non abbiamo mai trovato in nessuna gara sia italiana che estera.

Un qualcosa che ogni atleta piacerebbe trovare ma che puntualmente non si trova.

Qualcosa a mio avviso di semplice ma che sembra risultare complicato in chi debba realizzarlo.

La sala PUMPING. WOWOWOWO … esatto, una sala attrezzata con macchinari, bilancieri, panche e manubri dove poter effettuare la fase di pompaggio prima di salire sul palco.

Da atleta posso garantirvi che fa la differenza. Inoltre erano presenti spogliatoi distinti e separati per uomini e donne con annessi specchi per il trucco ed annesse aree docce e sanitari.

L’evento si è svolto con la formula del pregara mattutino e gara serale, con la relativa pausa nell’intermezzo per far sì che i luoghi del teatro venissero ripristinati e puliti, pronti ad accogliere il pubblico per lo spettacolo serale.

Un altro aspetto importante, e da non sottovalutare, è stata la scelta della scaletta di uscita degli atleti.

Abbiamo prestato la giusta attenzione per tutto e tutti.

Siamo stati molto attenti a questo particolare in modo che nessuno si sentisse gravato da tempi troppo lunghi o troppo stretti.

I tempi sono stati rispettati e lo spettacolo non ha avuto nessun ritardo.

Per il 2º Gran Prix adotteremo un’altra formula ancora più vicina alle esigenze degli atleti.

Abbiamo avuto attenzioni cosi per gli atleti come così anche per i nostri Giudici.

Anche loro hanno avuto un bel gran da fare.

Non posso non menzionarli ovvero il Capogiuria AUGUSTO PRIAMI, il giudice e DIRETTORE TECNICO ANDREA BONCIANI, il giudice, MASTER POSER ed atleta PRO DAVIDE DONATI, il Presidente e vice Presidente SANDRO E SAURO CICCARELLI.

Dietro le quinte ma sempre in prima fila ISABELLA DESCI.

La gara ha avuto inizio alle 09:00, con la prima categoria BB Juniores fino alle 13:30, chiudendo con l’ultima categoria per poi riprendere alle ore 16:00 con l’apertura al pubblico e concludendo la gara alle ore 20:00.

La nuova categoria MEN’S CLASSIC PHYSIQUE ha dato spettacolo ed ha riscosso successo tra gli atleti e tra il pubblico e sulla scia di questo successo, per il prossimo anno secondo le direttive NBFI/INBA inseriremo altre 2 categorie affinché voi atleti possiate avere la possibilità di rivedervi nella vostra categoria più consona.

Una sorta di categoria h/p… ma daremo i dettagli nel corso d’anno.

Ora passiamo a colui che ha dato un timbro ed una voce alla competizione presentando i 63 atleti… per noi una rivelazione che verrà riconfermata per il prossimo GRAN PRIX, il nostro Presentatore & Vocalist FABIO CARDILLO.

Lo abbiamo dovuto fermare perché altrimenti avrebbe continuato all’infinito.

Ha saputo intrattenere una platea di circa 200 persone. CHAPEAU!!!

Naturalmente non potevamo che farlo affiancare da 2 splendide ragazze di spessore tanto estetico quanto professionale: JENNIFER LAURI (certificata come TECNICO Tatoo Estetico/Style permanente alla PhiAcademy, tra le più prestigiose Accademie) & STEFANIA SPORTELLI (modella & Miss Italia ROCCHETTA 2019 Puglia).

Non potevamo non tenere alti gli standard sui controlli ANTIDOPING i quali sono stati effettuati, per la seconda volta per la NBFI, dalla società GQS, un organismo indipendente che collabora direttamente con i laboratori accreditati WADA ed ha sede a Stoccarda e Berlino tramite i suoi operatori Michael Jablonski e Kirsten Reith.

Oltre a ispezionare visivamente il corpo dell’atleta alla ricerca di eventuali manipolazioni e punti di iniezioni o infusione, hanno effettuato il prelievo delle urine secondo la procedura WADA a doppio campione.

Successivamente i campioni sono stati inviati al laboratorio che provvederà ad analizzare ben 265 sostanze e comunicherà i risultati entro 3-4 settimane.

Seguirà poi la classifica ufficiale sulla rivista NBFI Magazine in uscita nel 2020.

CONCLUDO ringraziando sempre voi atleti per aver partecipato al nostro evento, fatto da atleti per gli atleti, facendovi il nostro più grosso e grande in bocca al lupo… i Coach ed Atleti Francesco PALEARI ed Annita LAVECCHIA, unitamente a tutto il direttivo NBFI, vi aspettano al 2º GRAN PRIX nella splendida vetrina di TARANTO, città dei due mari.

Seguite la pagina ufficiale Gran Prix Sud Italia NBFI perché ci saranno info appetitose.

Vi lasciamo un piccolo pensiero: la solidarietà, la lealtà, il rispetto per la salute, lo stare insieme condividendo la stessa passione e gli stessi sacrifici, l’intelligenza, il lavoro duro e motivato, la competenza e, perché no, la fantasia e lo sviluppo armonioso del corpo dovrebbero essere il nostro ANTIDOPING NATURALE.

Tutti insieme possiamo fare tanto dando esempi e riferimenti sani.

Da due atleti come voi.

Francesco Paleari & Annita Lavecchia.

Locandina dell’evento 2019

SE VUOI ISCRIVERTI AL GRAND PRIX SUD ITALIA NBFI – NATURAL SUPER HEROES 2020, CLICCA QUI

Cronache NBFI 2019 – Resoconto del Trofeo Excellent Natural Body

Cronache NBFI 2019 – Resoconto del Trofeo Excellent Natural Body

Natural Body New Open!

Di Isabella Desci – Segretario NBFI

Fotografie di Davide Giannico e NBFI

Il 29 giugno 2019 si è aperta la stagione agonistica della NBFI, dal 2019 affiliata con la INBA Global/PNBA, con la prima gara di selezione valida per il Campionato Nazionale NBFI di ottobre, il Trofeo Excellent Natural Body.

Altre due gare di selezione si svolgeranno a Taranto il 7 settembre e a Verolanuova (BS) il 21 settembre.

La gara si è svolta presso il palazzetto “Calamandrei” di Faella, con la collaborazione della Asd Mini’s, il patrocinio della Pro Loco Faella e del Comune di Castelfranco Piandiscò.

La struttura della palestra ha consentito una perfetta organizzazione dell’evento e gli atleti hanno avuto a disposizione tutti gli spazi necessari per la mallatura ed il pumping.

Location del Grand Prix

Il pregara è iniziato verso le 9,30 con la categoria BB juniores, e successivamente a ruota tutte le altre categorie: BB open, BB master 45 e 50, Men’s Physique Juniores, open e master, la nuova categoria Men’s classic Physique, Bikini juniores, open e master, Figure, e la nuova categoria Women’s physique, per un totale di 35 atleti partecipanti.

Il pregara è terminato intorno alle 12.

La gara ha avuto inizio alle 15 del pomeriggio e si è conclusa alle 18, e ha visto la presenza della splendida Simona Ivan, atleta bikini International, per la prima volta in veste di conduttrice, affiancata dalla elegantissima Sabina Palacean per le premiazioni.

Trofei e medaglie del Grand Prix

La giuria era composta da 5 giudici tra cui il Presidente NBFI Sandro Ciccarelli, oltre a Sauro Ciccarelli (vicepresidente), Augusto Priami (capogiuria) , Andrea Bonciani (direttore tecnico) e Davide Donati (atleta PRO PNBA), giudice in prova Matteo Mazzotti.

Da sinistra: Sabina Palacean, Andrea Bonciani, Augusto Priami, Sandro Ciccarelli, Simona Ivan, Sauro Ciccarelli, Davide Donati, Matteo Mazzotti.

I test antidoping sono stati effettuati, per la prima volta per la NBFI, dalla società GQS, un organismo indipendente che collabora direttamente con laboratori accreditati WADA e ha sede a Stoccarda e Berlino, tramite i suoi operatori Michael Jablonski e Kirsten Reith.

Oltre a ispezionare visivamente il corpo dell’atleta alla ricerca di eventuali manipolazioni e punti di iniezione o infusione, hanno effettuato il prelievo
delle urine secondo le procedure WADA (doppio campione).

Successivamente i campioni vengono inviati al laboratorio che provvederà
ad analizzare ben 265 (!) sostanze e comunicherà i risultati entro 3-4 settimane.

Campioni dei test antidoping

Ringraziamo tutti gli sponsor: Olympianstore, Powertec, SBB, Anderson, Prolabs, Anatomy Nutrition, Daily Life, e i partner: Palestra Gym Center, Easy Chicken, DG Photographer, Excellent Style, che ci hanno sostenuto e hanno permesso una perfetta riuscita della manifestazione.

Complimenti a TUTTI gli atleti che hanno partecipato e un grosso in bocca al lupo per la Vostra carriera agonistica… ci vediamo a Figline il 5 ottobre!

Leggerete la classifica nell’articolo completo, nel numero di NBFI Magazine 2020.

Locandina dell’evento 2019

SE VUOI ISCRIVERTI AL GRAND PRIX CENTRO ITALIA NBFI – EXCELLENT NATURAL BODY 2020, CLICCA QUI

Lo stile di vita del bodybuilding natural. Una sana miniera d’oro!

Lo stile di vita del bodybuilding natural. Una sana miniera d’oro!

Non tutti quelli che praticano il bodybuilding gareggiano. Infatti, la maggior parte dei bodybuilder si allena per avere un aspetto e una salute migliori, cose che ottengono. Comunque i benefici non si fermano qui. Pensate all’effetto che il bodybuilding può avere sui problemi di cuore, la prima causa di morte negli Stati Uniti. Le cause che contribuiscono a questa strage comprendono il fumo, i fattori genetici, la pressione del sangue alta, l’obesità, la vita sedentaria e livelli elevati di lipidi nel sangue (colesterolo e trigliceridi).

Anche se il bodybuilding non può farvi smettere di fumare o cambiare la vostra genetica, lo stile di vita del bodybuilding, compresa la dieta, può aiutarvi con le altre cose elencate precedentemente.


Allenamenti regolari si traducono in perdita di peso, livelli di pressione ematica più bassi e cambiamenti positivi dei profili dei grassi, tutte cose che si sommano per una possibile diminuzione dell’incidenza dei problemi di cuore. Secondo un articolo apparso in un numero del 1984 del Journal of the American Medical Association, “Sono pochi i ricercatori che hanno preso in considerazione la conseguenza dell’attività fisica usando una resistenza contro il movimento muscolare (sollevamento pesi), onostante i risultati mostrino che il periodico impegno muscolare intenso degli esercizi pesanti può ridurre l’incidenza dei disturbi coronarici (cardiaci)”. I ricercatori hanno intrapreso uno studio per vedere come 16 settimane di allenamento con i pesi influenzavano i livelli di lipidi e lipoproteine negli uomini, età media 33 anni, e le donne, età media 27 anni, precedentemente sedentari. I soggetti si sono allenati tre giorni alla settimana, ogni due giorni, 45-60 minuti per allenamento. La routine comprendeva distensioni su panca, rematori stando seduti, trazioni alla lat machine, lento avanti, leg press, leg extension, leg curl e curl delle braccia. I soggetti hanno eseguito 3 serie per ogni esercizio per il maggiore numero di ripetizioni possibile, riposandosi al massimo due minuti fra le serie. Quando riuscivano a fare 8 ripetizioni, il carico veniva aumentato di 5-7 kg.


I risultati sono stati sorprendenti. Negli uomini il dannoso colesterolo legato alle lipoproteine a bassa densità, o LDL, si è ridotto del 16,2%, mentre nelle donne si è ridotto del 17,9%. Il colesterolo benefico legato alle lipoproteine ad alta densità, o HDL, è aumentato, una cosa molto difficile da riscontrare negli uomini. Infatti, è aumentato di ben il 15,8% negli uomini e di solo il 4,8% nelle donne. Gli autori hanno concluso che “l’attività di sollevamento pesi sembra tradursi in cambiamenti favorevoli nei livelli di lipidi e lipoproteine negli uomini e nelle donne precedentemente sedentari”. Si tratta di una notizia importante per il pubblico a cui per anni è stato detto che solo l’attività fisica di durata può dare benefici per il cuore. I ricercatori pensano che l’aumento incredibile del colesterolo HDL negli uomini “possa essere dovuto alla riduzione del grasso corporeo, oltre che all’aumento della massa corporea magra (muscolo)”.
In che cosa l’allenamento con i pesi per il bodybuilding si differenzia dall’allenamento per il powerlifting per quanto riguarda il miglioramento della salute?


Uno studio del 1984 ha confrontato i due allenamenti per vedere quale forma era la più sana. Lo studio, che è apparso anche sul Journal of the American Medical Association, ha osservato anche l’uso degli steroidi e il loro effetto sulla salute. Prima di usare gli steroidi, i powerlifter dello studio avevano un colesterolo HDL medio di 38 mg per decilitro mentre quelli che avevano praticato il bodybuilding, senza usare steroidi, avevano una media molto buona di 55 mg per decilitro, paragonabile a quella di chi fa jogging. I powerlifter avevano anche un livello più alto del dannoso colesterolo LDL, una media di 138 mg per decilitro in confronto alla media di 104 dei bodybuilder. L’articolo concludeva dicendo che “il regime di allenamento dei bodybuilder è associato a un profilo dei lipidi più favorevole rispetto all’allenamento usato dai powerlifter”. In altre parole, il tipo di sollevamento pesi che fanno i bodybuilder è per il cuore molto più benefico del tipo fatto dai powerlifter.


Quando i soggetti hanno usato gli steroidi, il colesterolo HDL è diminuito in entrambi i gruppi del 55% in media e il livello di LDL è aumentato del 61%, portando alla conclusione ovvia che “l’uso degli steroidi da parte degli atleti che si allenano per la forza può aumentare il rischio di disturbi cardiaci”.

Anche in presenza di una dieta aterogena, cioè una che favorisce le malattie cardiache, i bodybuilder risultano più sani. Uno studio del 1986 pubblicato sull’International Journal of Sports Medicine ha osservato i bodybuilder che mangiavano più di sei uova al giorno e ha concluso che il loro profilo lipidico era molto buono. Il colesterolo HDL era più alto della media e i trigliceridi e il dannoso colesterolo LDL non erano elevati.


Cosa dire di tutte le proteine assunte solitamente dai bodybuilder? Molti medici ed esperti di alimentazione si lamentano del fatto che i bodybuilder assumono quantità eccessive di proteine, considerandole non necessarie e dannose per i reni.


Nei miei 20 anni di lavoro in almeno una mezza dozzina di ospedali diversi, non ho mai visto un bodybuilder ricoverato per problemi ai reni o blocco renale. Né, fra l’atro, ne ho mai visto uno con disturbi cardiaci, né ho letto negli studi medici di bodybuilder affetti da problemi di salute dovuti a una dieta ricca di proteine. Infatti, in tutti quegli anni ho visto solo due bodybuilder nell’ospedale. Uno si era procurato uno strappo al pettorale perché la panca si era rotta sotto di lui e l’altro era stato ricoverato a causa di un abuso di anfetamine.


Ingerire grosse quantità di proteine può essere pericoloso, ed è di certo non necessario, per chi non è un bodybuilder, specialmente se non si assumono sufficienti liquidi, ma per i bodybuilder attivi non sembra essere un problema.


Se non usate gli steroidi o altri farmaci, il bodybuilding offre molti benefici eccellenti per la salute, e non solo fisici. In uno studio intitolato “Forza muscolare: un indice della personalità degli uomini”, pubblicato in un numero del 1983 dell’International Journal of Sports Medicine, i ricercatori hanno cercato di determinare le implicazioni psicologiche del bodybuilding.


Hanno citato molti studi sull’attività fisica aerobica e hanno concluso che i risultati erano contrastanti. Alcuni mostravano un effetto psicologico positivo, altri no. Quelle che mancavano erano le informazioni sull’allenamento per la forza e il suo effetto sullo stato psicologico di una persona. I ricercatori hanno controllato 142 studenti del college prima e dopo un periodo di attività fisica che prevedeva squat e distensioni su panca. I risultati hanno indicato che “la forza muscolare relativa è un indice significativo della personalità” e che “i giovani relativamente forti tendono a essere molto più soddisfatti del proprio corpo e del suo sviluppo, sono meno emotivamente labili e ansiosi, più intraprendenti, socievoli e impulsivi e in generale più sicuri e soddisfatti di se rispetto ai loro coetanei muscolarmente più deboli”.


I giovani dovrebbero essere fortemente incoraggiati a fare del bodybuilding una parte della loro vita. È possibile costruire ben più dei soli muscoli. Fiducia, coraggio e autostima sono altri benefici importanti e si traducono in maggiore successo a scuola, al lavoro e nei rapporti sociali. Il bodybuilding rappresenta veramente una miniera d’oro per la salute complessiva.

Interessato a scrivere per NBFI mag?

Interessato a scrivere per NBFI mag?

Interessato a scrivere per NBFI mag ? Ecco cosa devi sapere:

 

Il primo numero di NBFI Magazine è stato stampato ed è disponibile gratuitamente online, clicca sull’immagine per leggerlo. Per chi vuole ricevere a casa il primo numero stampato, questo è il link per fare l’ordine

La rivista NBFI mag pubblica le informazioni più recenti e più avanzate per chi si allena con i pesi ed è interessato alla costruzione di muscoli, forza e potenza, in modo naturale. Gli argomenti includono natural bodybuilding, powerlifting, forza e condizionamento, nutrizione e perdita di grasso.

Vogliamo solo le tue informazioni più innovative e avanzate.

Gli articoli della rivista NBFI mag devono essere utili, innovativi, audaci. Quindi scrivi con passione e convinzione.

Tutti gli autori saranno accuratamente controllati prima della pubblicazione. I diplomati, laureati e le certificazioni non sono un requisito primario, solo i risultati lo saranno. In altre parole, qualsiasi idea di allenamento o dieta che presenti deve essere un concetto efficace che produca risultati reali.

Tutti gli articoli inviati a NBFI mag devono essere nuovi, originali per l’autore e mai pubblicati prima, ovunque, compresi i blog.
Accettiamo solo articoli inviati come file Microsoft Word.

Anche se non abbiamo una lunghezza dell’articolo fissa, gli articoli tipici sono 1500-2500 parole. Saranno anche considerati articoli più corti o più lunghi.

Se il tuo articolo richiede delle foto, queste devono essere originali (inalterate) e della massima qualità possibile, maggiore è e meglio è. Le foto dovrebbero essere prese orizzontalmente, non verticalmente.

Se il tuo articolo richiede video, deve essere almeno di 720p e girato orizzontalmente. I video non possono contenere promozioni o pubblicità di alcun tipo.

Questo è il primo numero DIGITALE di NBFI mag: Clicca per visionarlo

Per proporre articoli inviare la richiesta a info@nbfi.it  corredata dal vostro curriculum.

Sportivamente

NBFI

Sviluppa il massimo potenziale muscolare >100% Natural!

Sviluppa il massimo potenziale muscolare >100% Natural!

MASSIMO POTENZIALE GENETICO
100% NATURAL

di Roberto Amorosi Hernández

Pubblicato su Olympian’s News / Iron Man Italia 2015

Da quando Lyle McDonald pubblicò nel 2009 l’articolo “What’s My Genetic Muscular Potential?” centinaia di Blogs lo hanno tradotto e “rimbalzato” in tutte le lingue, ognuno con un titolo più sensazionalista che l’altro e molti si sono addirittura azzardati a dire che il modello presentato, serviva a identificare chi è veramente NATURAL e chi invece è un BOMBATO o “Falso Natural”!

[Sarcasmo Mode ON] Tuttavia la WADA ancora non si é accorta di questo strumento “estremamente scientifico” e continua a spendere soldi inutilmente in Test che non servono a niente [Sarcasmo Mode OFF]

Ora, senza voler essere arrogante (ma già so che non ci riuscirò) ed abusando il minimo possibile della Bro-Science, immagino che NESSUNO di tutti quelli che si sono fatti eco di questi modelli, sia fuori dai parametri indicati, il che può significare 3 cose:

  1. Che sono veri Natural
  2. Che hanno aperto un Canale Youtube prima che scadesse il loro primo abbonamento annuale in palestra
  3. Che non sanno COME sia possibile uscire fuori da questi modelli SENZA ANABOLIZZANTI

Dico questo, perché immagino che molti culturisti avranno avuto alcuni dubbi facendo quei calcoli o …forse sono l’unico?  Andando a studiare in dettaglio ogni Modello (Martin Berkhan, Lyle McDonald, Casey Butt, Alan Aragon, John Mc Callum, etc) e la piú recente review di Eric Helms del 2014, ci rendiamo conto che esistono GRANDI differenze per quanto riguarda il calcolo del massimo potenziale genetico raggiungibile senza l’uso di farmaci.

Questa é la conclusione di Helms:

“La caccia alle streghe e i dibattiti accesi su chi é Natural e chi Non lo é, continueranno. I piú danneggiati potrebbero non essere i culturisti, la cui reputazione é messa in discussione. Ma sono l’insieme di agonisti del culturismo natural ed i principianti, che sono sempre piu convinti che la scelta di mantenersi Drug-Free ormai non esista. Tuttavia, per poter scorgere oltre questa nebbia di guerra, abbiamo la storia, la logica e la scienza, con la speranza di estrapolare qualcosa di sensato in mezzo al caos”

Eh si… con l’avvento dei social, oggi son tutti esperti ed “ispettori oculari” della WADA. Ovviamente, dato che a nessuno piace sentirsi che “non è portato” per l’attività che svolge o ammettere che forse non è poi così bravo come pensava, ognuno sceglierà il modello che gli permetta di sentirsi più “Avanzato/Esperto” possibile e piazzerà la “Linea Rossa” dove più conveniente per lui, buttando automaticamente nel cesto degli ipocriti/dopati al resto degli atleti che magari sono più bravi e/o dotati di lui.

Mi spiace per voi, cari “SECCHI NATURAL” il bodybuilding, anche se Natural significa comunque “costruzione del corpo”  fino al massimo potenziale genetico individuale. Significa allenarsi/mangiare/studiare come se i limiti non esistessero, perche sempre possiamo fare un piccolo passo in avanti e porci dei limiti ancor prima di averli raggiunti, significa smettere di imparare e convertirsi nel “Re guercio del paese dei ciechi”.

IL PESO CORPOREO NON DIFFERENZIA NATURAL E BOMBATI

Evidentemente, esiste un limite fisiologico per quanto riguarda la quantità di muscolo che un essere umano può accumulare senza usare farmaci anabolizzanti, e NESSUNO discuterebbe il fatto che in nessuna parte dell’universo conosciuto sia possibile pesare 30-40 kg sopra i decimali della nostra altezza, a meno che non ci riferiamo ad un obeso.

A mio avviso, il problema è che il doping nel bodybuilding, potenzia terribilmente l’ipertrofia sarcoplasmatica e questo significa che un Dopato sempre sarà più GRANDE pesando MENO! A riprova di questa mia ipotesi, riporto il confronto tra le mie misure e quelle di nientepopodimenoche Mr. Schwarzenegger. Naturalmente, chi ci veda qualche somiglianza può prenotare immediatamente all’oculista:

Come possiamo osservare, nonostante peso ed altezza siano simili (5 kg di differenza), possiamo osservare come i perimetri muscolari siano estremamente diversi (+20 cm petto, +12,5 cm braccio, ecc). Quindi, essere PESANTE ed avere MENO VOLUMI che un dopato più leggero è, casomai, una possibile dimostrazione del fatto che uno sia Natural.. e non il contrario.

Il problema é scoprire dove sia scientificamente plausibile piazzare una “linea rossa”, considerando il fatto che il Culturismo Natural è una disciplina che fino a pochi anni fa, si limitava a “copiare” quello che facevano il suo alter ego doped, e perciò da un punto di vista sportivo, ci troviamo in una situazione di pieno sviluppo. Si fa quindi sempre più necessario, saper leggere tra le righe:

  • Quali sono i soggetti degli studi?
  • In che anno sono stati realizzati?
  • Come si allenavano?
  • Come si preparavano per le gare?

Perché se si tratta di atleti che si allenano come maratoneti, mangiano come puffi e nel momento delle misurazioni pre-gara eseguono il tipico scarico di glicogeno e sodio, seguito da posteriore ricarica senza bere acqua… allora amici miei, stiamo ancora vivendo nel GIURASSICO!!

IL NUOVO CULTURISMO NATURAL per “SAPIENS”: ¡NO BRAIN – NO GAIN!

Il Culturismo Natural è oggettivamente un’ altro sport rispetto al “Doped” ed un questo ultimo decennio sta prendendo una identità propria (allenamento, dieta, preparazione per la gara, ecc si differenziano sempre di più), per cui gli atleti che hanno capito le differenze, iniziano a raggiungere livelli mai visti prima.

Continuare a prendere nostálgicamente come riferimento i culturisti degli anni 40-50 solo perché ci fidiamo che non si dopavano ( gente che viveva nel dopoguerra e quando ancora non esisteva, oltre al doping, nemmeno la periodizzazione dell’allenamento, ne lineare – ne ondulante, ne le attuali conoscenze nutrizionali, ne la biomeccanica e tantissime altre cose… abbiate pazienza) o culturisti che ancora oggi continuano a prepararsi come se si dopassero (senza però prendere nulla), non ci darà una visione chiara dell’argomento.

Senza pretendere sminuire minimamente il lavoro dei “Guru” menzionati anteriormente, cercherò di condividere la MIA esperienza e le MIE riflessioni su questo complesso dibattito.

Come sempre, andremo per parti, come disse “Jack lo Squartatore”…

1) INDICE DI MASSA MAGRA (FFMI)

Il criterio Gold Standard per identificare i culturisti natural è “l’indice di massa libera di grasso” (FFMI – Free Fat Mass Index) (Kouri et al. 1995). I dati utilizzati per stilare l’FFMI furono estrapolati da 84 utilizzatori di farmaci e 74 culturisti natural, per poi aggiungere le analisi di tutti i vincitori del Mr America durante gli anni 1939-1959.

Kouri et al. conclusero che esiste un limite di 25 nel FFMI per gli sportivi, anche se alcuni Mr america superavano questi valori (arrivando a 28 il più alto) la loro media era di 25. Venne chiarito che la genetica ed il margine di errore nella stima della percentuale di grasso reale potrebbero aver contribuito a valori superiori a 25 (Kouri et al. 1995).

Tuttavia nel calcolo della tabella che vi riporto, donde appaiono Mr America con polsi da 19 e 20 cm e dove per il calcolo del FFMI ho stimato un “generoso” 6% di grasso corporeo, vediamo che praticamente TUTTI sorpassano il margine stabilito da Kouri et Al. Finalmente ho aggiunto anche il confronto con 3 atleti di rilievo di cui sono sicuro al 100% che siano Natural (2 miei alunni, ed io):  

 

MISURE MR AMERICA 1939-1951 + 3 ATLETI DELLA NOSTRA SCUOLA

Anno

Atleta

Altezza cm

Peso Kg

Collo cm

Braccio cm

Petto cm

Girovita cm

Gamba cm

Polpacci cm

Polso cm

FFMI

 

1939

Bert Goodrich

178

88,5

43

43

119,3

83,7

61

43

19,2

26.31

 

1940-41

John Grimek

174

88,5

43

44.4

119,3

78,7

63,4

43

20,3

27.53

 

1942

Frank Leight

181

94,8

44,4

44,4

123

83,7

61

40,6

20,3

27.26

 

1943

Jules Bacon

170

79,4

39,3

39,3

117

78,7

58,3

38

17.7

25.88

 

1944

Steve Stanko

181

101

45,7

45,7

123

91

64.8

43

20,3

29.04

 

1945

Clarence Ross

176

84

41,9

43

119,3

81,2

61

40,6

19

25,54

 

1946

Alan Stephan

181

93

43,4

43

121,6

82,2

63

40,8

19,5

26,74

 

1947

Steve Reeves

185

96.7

44,7

44,4

121,8

78,7

64,2

44.4

20

26,61

 

1948

Gorge Eiferman

171

88,5

41,9

42,4

120,6

81,2

63,4

40,6

18,5

28,51

 

1949

Jack Delinger

168

88,5

42,6

43,6

120,6

81,2

63,4

42

19,5

29.54

 

1950

John Farbotnik

175

88,5

42,6

43

120,6

81,2

62,2

39.8

19

27.22

 

1951

Roy Hilligenn

168

80.8

42

42.4

116,7

81,2

60

39

19

26,97

 

2014

Roberto Amorosi

188

101

43

44

125

88

64

41

19

27.68

 

2015

Pedro Adrover

184

90

38

42

108

86

63

42

17

25.81

 

2016

Jaume Joan Cantallops

188

102

40.5

43.5

117

87

62

41

20

28.24

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mi domando come sia possibile confrontare con la STESSA FORMULA Altezza/Peso, un atleta da 17 cm di polso (come Pedro) con uno da 20 cm (come Jaume). Le misure di polso e caviglia sono estremamente importanti per il calcolo del Massimo Potenziale Genetico, dato che teoricamente una struttura ossea più robusta permetterà un maggior potenziale di sviluppo muscolare (anche se finalmente, questo dipenderà da moltissimi altri fattori) e risulterebbe in un peso corporeo molto diverso a parità di massa muscolare. Anche l’aspetto estetico, fondamentale nel Culturismo, può essere molto diverso, avvantaggiando chi in questo caso ha ventri muscolari lunghi che si inseriscono su articolazioni più piccole, ottenendo un effetto visuale più muscoloso ma che effettivamente si traduce in un peso corporeo minore (rispetto a chi ha struttura ossea più grande). Normalmente questi sono i soggetti che vincono le gare di Bodybuilding, ma ciò non significa che non esistano atleti natural più pesanti di loro a partitá di masse. 

Comunque sia, dato che a detta dello stesso autore, il FFMI si basa su culturisti in gara (con un 3-5% di grasso), e che per individui con maggior % di grasso la formula perde validità (Kouri et al. 1995), mi domando se l’EVOLUZIONE e le scoperte posteriori per quanto riguarda la preparazione agonistica (dal 1995 in poi), possa influire nell’aspettativa di sviluppo per atleti 100% Natural. Mi chiedo anche il livello e la qualità di queste famose gare Natural del 1995: pensare che in 21 anni non sia cambiato nulla nel nostro sport, è vivere di ricordi.

A questo punto, sarete di certo curiosi di calcolare il vostro FFMI, ecco la formula:

FFMI = Massa Magra (Kg) / (Statura (metri) x Statura (metri))

FFMI Normalizzato (Solo uomini) = FFMI + (6.1 x (1.80 – Statura (metri))

Nota: la massa magra é il peso senza grasso, che si calcola con la seguente formula: Peso x (1- % di grasso)

Secondo Kouri (1995) Dipendendo dal risultato avremo:

  • 16–17: Molto al di sotto della media.
  • 18–19: Nella media
  • 20–21: Sopra la media
  • 22: Eccellente
  • 23–25: Molto superiore alla media
  • 26–27: Pochissimi possono arrivarci da Natural
  • 28–29: Molto improbabile senza farmaci.
  • +30: Solo con uso di farmaci.

Da questa tabella si evince che superare un FFMI di 25 è difficile pero non impossibile e si sposta l’asticella del “Doped” ad FFMI di 30, molto più generoso. Tuttavia qualche anno più tardi, Gruber gioca al ribasso e ripropone nuovamente il 25 come numero magico, ritornando a mettere i migliori fuoriclasse natural nel sacco dei dopati.

 Secondo Gruber (2000):

Valori FFMI (Gruber et al. 2000)

Uomini

Donne

Valutazione

<19

<15

Costituzione debole e poca massa muscolare

19-22

15-17

Costituzione muscolare nella media

22-25

17-22

Costituzione muscolare superiore alla media

>25

>22

Possibile pero molto improbabile senza steroidi

In definitiva, un indice FFMI di 30 da natural potrebbe essere possibile ma rappresenterebbe un atleta veramente elitista ed estremamente dotato geneticamente. Secondo Kouri et Al, per la maggior parte delle persone il limite di 25 è, giustamente, il riferimento. Credo sia plausibile considerare irraggiungibile un FFMI superiore a 30 per un Natural, se analizziamo il FFMI di alcuni utilizzatori di steroidi conosciuti:

  • Frank Zane: 25,3
  • Arnold Schwarzenegger: 28,7
  • Kai Greene: 35,4
  • Phil Heath: 35,7
  • Ronnie Coleman: 39,1

Evidentemente il limite di 25 o 30 non è “Conditio sine qua non”, ed esisteranno sicuramente più dopati sotto a 25 che Natural al di sopra, perciò il FFMI lascia il tempo che trova.

 

2) MODELLO DI LYLE McDONALD

Questo modello, anche Lyle dice di non sapere da dove lo ha tirato fuori, ma vorrebbe dare una risposta alla questione sulla velocità con cui si può guadagnare muscolo:

ANNI DI ALLENAMENTO
“COME SI DEVE”

POTENZIALE DI CRESCITA MUSCOLARE

IN UN ANNO

1

9-11 kg (0,9 kg al mese)

2

4,5-5,5 kg (0,45 kg al mese)

3

2,2-2,7 kg (0,2 kg al mese)

4+

0,9-1,3 kg (non vale la pena calcolarlo)

Questi valori possono effettivamente avvicinarsi alla realtà di molti culturisti natural, anche se non viene specificata nessuna variabilità in funzione del’altezza o struttura ossea (8 kg su un atleta di 170 cm sono tutta un’altra storia in un atleta da 190 cm).

Infatti nel 2001, io stesso dopo 7 anni allenandomi con i peso e con un modesto 87kg x 188 cm, sperimentai un guadagno di 7 kg in 6 mesi (raggiungendo i 94 kg con la stessa % di grasso) semplicemente cambiando strategia di allenamento. Quattro anni piu tardi, dopo un lungo stallo, ottenni altri 6 kg in 15 mesi (rompendo la barriera dei 100kg), grazie nuovamente ad un cambio di approccio allenante. Quindi, una tabella di questo tipo, credo vada presa davvero con le pinze.

Riporto in difesa alla mia critica, uno studio brasiliano pubblicato di recente, in cui a partecipato Schoenfeld con Culturisti Natural professionisti, durante un periodo Off-Season. Dimostrarono con un esame DEXA, un aumento di massa muscolare in soggetti molto allenati, dopo sole 4 settimane seguendo un protocollo di allenamento leggermente differente al che erano abituati.

Il problema è che quanto più ci avviciniamo al nostro limite genetico, più si ha bisogno di un approccio scientifico sia dell’allenamento che della dieta. Per cui, a fin dei conti, siamo NOI che decideremo se giustificare lo stallo con “la genetica” o se andremo a cercare il modo di superarlo, studiando ed allenandoci più duramente.

3) MODELLO DI ALAN ARGON

Nella sua revisione mensile, tratto la questione del tasso di guadagno muscolare in modo leggermente diverso e anche se non considerando ancora la costituzione ne la composizione corporea (% di grasso), almeno offre dei dati più flessibili, trattandosi di percentuali rispetto al peso corporeo totale:

 

CATEGORIA

RITMO DI CRESCITA

MUSCOLARE AL MESE

Principiante

1-1.5% del peso corporeo totale

Intermedio

0,5-1% del peso corporeo totale

Avanzato

0.25-0.5% del peso corporeo totale

 

 

 

 

 

 

 

 

Considero questo modello, molto più affidabile di quello di Lyle McDonald, anche se andrebbe specificato QUANDO un atleta passa da una categoria all’altra, perché è possibile “andare in palestra” da dieci anni, senza mai essersi “allenato veramente”, e quindi continueremo ad essere “Principianti” in aspettativa di trovare il giusto approccio che risvegli il nostro potenziale nascosto.

Per questo motivo, sento la mancanza di una tabella che metta in relazione questi guadagni di muscoli con un qualsiasi tipo di prestazione fisica, come ad esempio un massimale di Squat, Panca, Stacco… perché a fin dei conti, il muscolo non crescerà mica per Usucapione (per il semplice fatto di “stare in palestra”), NO? In qualche modo ci sarà da obbligarlo e senza ombra di dubbio, il mio risultato fisico è la diretta conseguenza della ricerca ossessiva dell’aumento di forza nei 3 big.

Tuttavia, come ben menziona l’amico Paolo Evangelista, in palestra quello che conta è “l’impegno”, “la dedizione”, “quanto ci si sforza” ed altri esoterismi totalmente soggettivi. Non esiste una scala assoluta come in altri sport:

  • 12” sui 100 metri sono un risultato mediocre
  • 11” sono un buon risultato
  • 10’’5 son un risultato ottimo, ecc

In questo contesto, uno che passa da 12” a 11”5 ha sicuramente migliorato ma continua comunque ad essere mediocre e difficilmente inizierà a dar lezioni agli altri su come correre, mentre in palestra dopo 3 mesi già sono tutti “professori” e Blogger di successo. Qualsiasi atleta di qualsiasi sport conosce questi elementi, cresce con essi e sa auto valutarsi. In palestra invece questo non succede, ed è sufficiente che uno ottenga “qualcosa” , basta con definire un po’ gli addominali, per convertirlo in un esempio e convincerci che il suo modo di allenarsi funziona.

La completa assenza del concetto di prestazione, permette che sopravvivano e si perpetuino le teorie ed i miti più assurdi e gli approcci più pittoreschi perche “Su di me funziona” o ancor peggio “Me lo ha detto lui che è grosso”. Tristemente, ancora oggi, è molto raro che i frequentatori di una palestra prendano nota abitualmente delle loro misure corporali, usino un diario di allenamento, si preoccupino di COME muovono i pesi (anche se credono di farlo, dietro una esoterica “connessione mente-muscolo”) o facciano uso di un cronometro per controllare i tempi di riposo tra le serie che cambiano completamente la direzione dello stimolo allenante.

Se il nostro approccio all’allenamento, non è diretto principalmente a raggiungere IN PRIMIS i famosi numeri di McRobert (1,5 del peso corporale su Panca, 2 volte il nostro peso su Squat e 2,5 per lo Stacco), allora sarà impossibile arrivare al nostro Massimo sviluppo genetico, nonostante i miliardi di cavini e cavetti pompanti che faremo.

 

4) MODELLO DI MARTIN BERKHAN

Questo é senza dubbio il modello più assurdo che abbia mai visto e si merita in pieno diritto il titolo di “Modello del Secco Natural”. Si basa, secondo l’autore, nell’osservazione degli agonisti natural di alto livello (non ho idea di quale federazione o nazione, ne cosa intnde per alto livello) con una percentuale di grasso del 4-5%.

La sua equazione (che non optá sicuramente per il premio nobel della matematica) è:

Altezza in centimetri – 100 = limite superiore in kg in gara.

Quindi, secondo il nostro caro Martin, con 188 cm di alteza, il mio limite genético Natural sarebbe pesare 88kg in gara, piú o meno quello che pesavo dopo i primi 10 anni di palestra con 24 anni (vedi foto). Sicuramente un buon risultato, ma… credo che a qualsiasi persona avessi detto che mi trovavo al mio massimo potenziale si sarebbe fatto una bella risata, giustamente.

Attenzione!! Perché il FFMI di questa foto si trova nel range “Superiore alla Media” e molto vicino al limite teorico di 25 per “Veri Culturisti Veramente Natural”. Ci sarebbe da chiedersi a quale media ci stiamo riferendo, perché se confrontati con chi NON fa sport, siamo d’accordo ma per un Culturista? Davvero?

Se consideriamo che un Cristiano Ronaldo qualsiasi, sfoggia una buona definizione su 185cm x 80 kg giocando a calcio (il lavoro con i pesi che fanno è sicuramente trascurabile), noi che ci andiamo a fare in palestra? Per prendere 5 kg in piú? Giochiamo a calcio allora.

In difesa a questo strambotico modello, diró che Berkhan specifica che il peso cosí basso è dovuto a che i culturisti in gara sono normalmente disidratati e con le riserve di glucogeno scariche, perció le misure sono ridotte. Quindi ancora una volta stiamo vivendo nel PASSATO, dove prepararsi ad una gara significava copiare i protocolli piú assurdi messi in pratica dai “Campioni” Dopati. Purtroppo per noi, senza “Caramelle” quello che si ottiene navigando in questa direzione è sacrificare tutta la massa muscolare e salire sul palco con la PEGGIORE condizione psicofisica possibile. Attualmente i migliori culturisti natural della “NUOVA SCUOLA” arrivano sul palco bevendo 8-10 litri di acqua, senza togliere il sale (anzi aggiungendolo)  e con muscoli rocciosi e pieni di glicogeno, percui presentarsi con un peso al di sopra dei decimali della nostra altezza è un evento sempre piú frequente (nel mio caso +13 kg, Jaume +14kg, Pedro +6)

5) MODELLO DI CASEY BUTT

Il piú completo fino ad ora, per la diversitá di variabili prese in considerazione, e senza dubbio il modelo di Casey Butt per calcolare il massimo potenziale muscolare in base ad altezza, misura della cavilla e polso, insieme alla percentuale di grasso. La spiegazione di questo modello è ampiamente argomentata nel suo libro “Your Muscular Potencial” e consiste nei seguenti punti:

Calcolo della Massima Massa Magra

Per applicare la formula abbiamo bisogno di conoscere 4 parametri:

Dati necessari

Variabile

Spiegazione

H

Altezza in pollici

A

Circonferenza delle caviglia nel punto più piccolo in pollici

W

Circonferenza del polso in pollici

% bf

% di grasso con cui vogliamo stimare la nostra massa magra massima

Nota: per convertire le misure da cm a pollici, dobbiamo dividerle per 2,54. Una volta ottenuto il risultato, il peso ottenuto sará in libre, percui dovremo moltiplicarlo per 0,45359237 per convertirlo in Kg.

 

Ho introdotto i miei dati con una percentuale del 5% ed il risultato ottenuto con la calcolatrice della pagina ufficiale di Casey Butt varia tra 91.5kg e 95kg (92.5kg con la formula anteriore) un valore molto piú soddisfacente degli 88kg di Berkham, ma che sono ancora molto lontani dai miei 100-101 attuali.

  

Ma il calcolo piu interesante per noi è senza dubbio quello dei perimetri muscolari. Ecco le formule sviluppate da Casey Butt:

Misure muscolari massime

Parte corporale

Formula

Petto

1,6817W + 1,3759A + 0,3314H

Bicipiti

1,2033W + 0,1236H

Avambracci

0,9626W + 0,0989H

Collo

1,1424W + 0,1236H

Gambe

1.3868A + 0,1805H

Polpacci

0,9298A + 0,1210H

Nota: Come si può apprezzare, nelle equazioni appaiono le stesse variabili da completare della formula precedente, per cui il procedimento da seguire sarà lo stesso. L’unico dettaglio da tenere in considerazione é che questa volta il risultato ottenuto sará in pollici, perció andrá moltiplicato per 2,54 per convertirlo a centimetri.

Il risultato ottenuto con questa formula rappresenta il perímetro muscolare massimo con una percentuale di grasso tra 8 e 10%. Applicando la formula di Casey e confrontandola con le mie misure al 10% di grasso, scopriamo che questi calcoli sono molto interessanti:

MISURE @ 8-10% BF

CASEY BUTT

LE MIE MISURE

PESO

98.5 – 102.5 kg

110kg

Petto

127 cm

125 cm

Bicipiti

46 cm

44.5 cm

Avambracci

37 cm

35,5 cm

Collo

45 cm

44 cm

Gambe

66 cm

64 cm

Polpacci

44 cm

42.5 cm

É stupefacente il livello di precisione dei perimetri muscolari. Infatti, mi troverei molto vicino al limite in quasi tutte le misure, con ancora un piccolo margine di miglioramento dopo 22 anni di palestra!!

Quello che non capisco é come sia possibile avere queste misure pesando tra 9,5-11,5 kg meno di me da Natural, il che mi fa pensare che, o la formula del peso non è corretta, o il mio poteziale di hipertrofia sarcomplasmatica non è stato ancora sviluppato. Voglio sperare nella seconda opzione e poter superare ampiamente anche la formula dei perimetri tra qualche anno 😉

6) MODELLO DI JOHN MC CALLUM

É probabilmente il modello piu antico di tutti e funziona allo stesso modo che quello di Casey, ma con formule diverse. Lo scoprí per la prima volta 12 anni fa leggendo i libri di Stuart McRobert e lo ho usato come riferimento durante piu di un decennio. Funziona in questo modo:

 

Quindi misurando 188cm ed avendo una struttura pesante, moltiplicheró inizialmente 2,1kg x 22,6 cm (da 152,4 a 175cm) e successivamente 1,05kg x 13 cm (da 175cm a 188cm) e sommandolo avremo: 45,5 kg +47,46 kg + 13,65 kg = 106.61kg

Il risultato ottenuto risulta in un valore molto piu alto dei 98.5-102.5 della calcolatrice di Casey Butt a paritá di % di grasso, perció considero che per il calcolo del peso corporale massimo, quella di Mc Callum  puo essere un sistema piu affidable. Tuttavia, le formule per il calcolo dei perimetri muscolari non tengono conto della misura della caviglia, anche se finalmente i valori ottenuti sono molto simili a quelli di Casey:

 

Nella colonna “Ideale” abbiamo il calcolo in base alla misura del mio polso (19 cm) ed in “Attuale” le mie misure al 10% di grasso. Grazie a che Mc Callum ci offre ulteriori misure come girovita e fianchi, possiamo forse trovare un indizio del perché il mio peso “è cosí esagerato”: Ho piú fondoschiena e girovita del desiderabile, il che non favorisce di sicuro l’aspetto ad X che cerchiamo in un campione d’Elite!

Altro particolare curioso é che Mc Callum considera queste miure come Massimo Potenziale per uomoni con “GENETICA NORMALE” il che significa che evidentemente possono esistere Talenti Genetici con meno Fondoschiena/Girovita e piú Braccia/Gambe di me… in modo totalmente natural.

Pensare il contrario sarebbe veramente presuntuoso da parte mia e metterebbe in evidenza la mia ignoranza sull’argomento. Ora immaginate l’aspetto di un tizio cosí… sono sicuro che nessuno crederebbe che fosse Natural!! Beh, “la vita è dura” ragazzi ed esistono persone che sono nate per certi sport… gli altri ci proviamo, dai.

7) MODELLO DI ROBERTO AMOROSI

Ma certo! Qui fanno tutti i loro modelli, perché non fare noi il nostro 😉

 

Ho cercato di riassumere tutte le informazioni illustrate fino ad ora e considerato nell’ultima colonna (plausibilmente al limite del sospettoso) uno sviluppo leggermente superiore al mio. Il risultato credo che possa avvicinarsi molto di piú alla realtá attuale del nostro sport. Tuttavia, lungi da me voler fare un’altra tabella per scovare i “Falsi Natural” perché esisteranno sicuramente eccezioni che possano uscire da questi parametri. L’idea è invece quella di poter individuare con un colpo d’occhio, qual’e il vostro livello attuale e quanto margine di miglioramento avete ancora prima di considerarvi “Esperti” o “Avanzati”.

CONCLUSIONI

Se il DOPING esiste é per proporzionare un ENORME vantagio competitivo a chi ne fa uso ed ottenere risultati MOLTO al di sopra e con maggior RAPIDITÁ di ció che è possibile in modo Naturale. Uno Sprinter “si bomberá” per correre piú veloce, un Weightlifter o Powerlifter per sollevare piú chili ed un ciclista per macinare piú kilometri in meno tempo. Ogni sportivo cerca il vantaggio SPECIFICO e FUNZIONALE per ottenere il podio.

É quindi lógico che un culturista NON si DOPI per PESARE di piú, ma per ESSERE PIU GROSSO!! In gara vince chi ha l’aspetto piú muscoloso e non chi pesa di piú sulla bilancia. Questo è il motivo fondamentale del perché la caccia ai “Falsi Natural” e/o ai dopati basandosi sul loro peso corporale è veramente stupida. Cosí come è una idiozia cervare di capire se uno “si bomba” osservando una foto, perché la luce, l’angolo, il tipo di macchina fotografica, mallo, filtri, pompaggio, saper posare e mille altre cose possono far si che un Chiwawa sembri un Pitbull.

Il Doping non si scova a colpo d’occhio (ammeno che non si parli di un Mr. Olympia) e l’unico modo di fermarlo è investendo in controlli antidoping e collaborando con federazioni serie come la NBFI che realizzano a TUTTI i partecipanti doppio e triplo test ad ogni gara, oltre che controlli sorpresa in OFF SEASON. Tutto il resto sono chiacchiere da bar.

Se i “Guru” della ricerca scientifica vogliono davvero scoprire dove mettere la Linea Rossa tra Dopati e Natural, la prima cosa da fare è aggiornarsi con il livello degli attuali campioni (nella WNBF abbiamo gente come Gozdecky che sfoggia intorno a nientepopodimenoche 182cm x 102 kg in gara) e successivamente creare MODELLI basati sui PERIMETRI muscolari e NON sul PESO. Perché come abbiamo dimostrato il peso puó dipendere da molti fattori, pero se un Culturista si prende il disturbo di bucarsi il fondoschiena 50 volte a trimestre, sará per superare i 50 cm di braccio e non per passare alla categoria di peso superiore e gareggiare con atleti piu grossi di lui, diminuendo la possibilitá di vincere.

Infine, a tutti i Culturisti Natural che vogliono raggiungere il loro MASSIMO POTENZIALE GENETICO, diró di mettersi nella zucca che lo sviluppo muscolare è direttamente proporzionale alla forza (si, lo so… esistono millemilla altri fattori, ma alla fine gira e rigira si ritorna sempre li: Metodo K.I.S.S.). Segui un approccio di Dieta/Allenamento/Riposo che ti permetta scalare verso la zona verde del grafico di Paolo Evangelista (foto) e vedrai como il tuo corpo si trasformerá conseguentemente. Con Jaume Joan, ci abbiamo messo solo 4 anni (dai 22 ai 26 di etá) usando i protocolli illustrati in questa rivista, con 3-4 sedute settimanali di PowerBodybuilding, e le sue misure sono schizzate fuori dal FFMI e qualsiasi tabella per “Secchi Natural”. Una volta arrivati a questi livelli, si puó anche passare tutto il giorno a pompare 4×10 con i pesi della chicco, curando tutti i dettagli che volete. Se usate un approccio inverso, starete costruendo la casa iniziando dal tetto… poi non vi lamentate della genetica se fallite! 😉